Competenza e cuore: arrivano i “manager solidali”

Investire il proprio tempo nella solidarietà per far crescere il settore del volontariato. I manager solidali di ManagerNoProfit sono arrivati anche in Trentino e lanciano un appello ai dirigenti d’azienda in pensione o prossimi al ritiro dall’attività professionale perché entrino a far parte della rete di solidarietà a sostegno delle associazioni e delle imprese del mondo del volontariato: «Vogliamo mettere a disposizione delle organizzazioni che necessitano di assistenza professionale le capacità maturate nel corso di decenni di carriera lavorativa», ha spiegato il referente trentino di ManagerNoProfit Luigi Tomassini, che delinea i contorni della proposta: «Accogliamo ben volentieri nel nostro gruppo manager con disponibilità di tempo, dotati di passione civile ed umana. Operiamo a titolo gratuito ed offriamo un’assistenza operativa elaborata in maniera mirata sulle esigenze delle realtà che si rivolgono a noi».

ManagerNoProfit ha maturato anni di esperienza tra Piemonte e Lombardia ed in Trentino il gruppo di manager solidali sono attivi da ottobre: finora sono arrivate diverse adesioni al progetto, tra cui quelle della cooperativa sociale CS4 di Pergine Valsugana, la Solidarietà Vigolana dell’Altopiano omonimo, Avis donatori volontari di Trento e Csv Trento. Il dirigente d’azienda che intende mettere il suo tempo e le sue competenze a servizio delle cause nobili del “terzo settore” deve rispondere ad alcuni requisiti: «Occorre essere manager in pensione o prossimi a lasciare l’attività lavorativa, in possesso di competenze comprovate e di tempo, essere positivi ovvero avere le batterie cariche per alimentare la spinta interiore necessaria ad aiutare il prossimo. Consapevoli che si può assistere concretamente e generare valore aggiunto operando con trasparenza e spirito solidale», ha spiegato Tomassini.

Ai manager che aderiscono al progetto è offerta l’opportunità di perfezionarsi attraverso corsi mirati: «Il lavoro di volontariato con noi è accompagnato dalla formazione, mediante seminari di motivazione dei volontari, per stabilire metodi e piani operativi, per misurare periodicamente la soddisfazione nel progetto – ha sottolineato Tomassini – Puntiamo ad acquisire nuove conoscenze nel campo del “sapere fare” attraverso le nuove tecnologie e del “saper essere” attraverso incontri con esperti di psicologia, sessioni di brain training ecc».

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Fabio Peterlongo

Nato nel 1987, dal 2012 è giornalista pubblicista. Nel 2013 si laurea in Filosofia all'Università di Trento con una tesi sull'ecologismo sociale americano. Oltre alla scrittura giornalistica, la sua grande passione è la scrittura narrativa. È conduttore radiofonico e dal 2014 fa parte della squadra di Radio Dolomiti. Cronista per il quotidiano Trentino dal 2016, collabora con Trentinomese dal 2017 Nutre particolare interesse verso il giornalismo politico e i temi della sostenibilità ambientale. Appassionato lettore di saggi storici sul Risorgimento e delle opere di Italo Calvino.

Media Alpi pubblicità s.r.l. Via delle Missioni Africane, 17 - 38121 Trento - Tel. 0461.934494

TrentinoMese: Iscrizione al ROC n° 11308. Registrazione Tribunale di Trento n. 536, 21 dicembre 1991

Sito web realizzato da Mobydick Scritture  - info@mobydick.tn.it © 2020-2021 Mobydick Scritture