Drimer: “Ecco come canto la tragedia di Columbine”

“O muori da eroe o vivi tanto a lungo da diventare il cattivo”. Canta così Drimer, il rapper di Cles, uno dei più conosciuti e apprezzati della scena regionale, che ha portato la forza delle sue rime ben oltre i confini locali nel suo nuovo singolo “Columbine”. Un brano pungente che nel titolo rimanda alla terribile strage del 22 aprile del 1999 della Columbine High School negli Stati Uniti ma che in realtà non vuole essere di certo un invito alla violenza. La rima sulla Columbine, seppur forte, infatti fa in realtà riferimento allo scontro, tutto musicale a colpi di parole, fra la vecchia e la nuova scuola dei freestyle legata all hip hop tricolore. “Columbine”, prodotto da Ric De Large è accompagnato da un videoclip diretto da Nikolaj Corradinov che dà un’impronta politica alla canzone come spesso ci ha abituati Drimer e veleggia verso le ventimila visualizzazioni. Dopo il singolo “Alarm (Autodistruzione)” e la raccolta di freestyle “New Music Tuesday”, il rapper trentino con questo  suo primo singolo del 2021, fa il primo passo che lo porterà all’uscita del nuovo album previsto per quest’anno. Dietro la sigla di Drimer, c’è Francesco Marchetti nato a Cles in Val di Non nel 1995 e che si è imposto sulla scena nazionale hip hop e rap. Il singolo “Columbine” viene definito come una cannonata ispirata dalle sonorità UK, un pezzo grime prodotto da Ric De Large nel quale Drimer dimostra ancora di essere uno dei migliori in Italia quando si parla di wordplay e tecnica al microfono. Due minuti e mezzo di raffica di rime e ambizione nei quali non risparmia nessuno a livello politico e musicale”. Per Drimer si tratta dell’ultimo capitolo della sua produzione dopo aver lanciato a fine anno in esclusiva per il canale Telegram di Verbal.sound, “New Music Tuesday Mixtape” di Drimer. Il progetto del rapper trentino raccoglie la serie di remix delle nuove uscite del rap italiano realizzate nelle scorse settimane, sei tracce in cui Drimer rivisita “Flop” di Izi, “Alright” di Gemitaiz, “HappySad” di Franco 126, “$€ Freestyle” di Sfera Ebbasta”, “25 Ore” di Guè Pequeno, “Musica Ovunque” di Nayt e “Heaven on earth” di Kid Cudi in collaborazione con Reiven di Fea oltrechè il remix di “Star Wars” di Fabri Fibra e Massimo Pericolo. 

Il suo 2018 viene inaugurato con due importanti singoli: #Vaitranqua e Noi Non Vi Vogliamo, brano con il quale prende aperta posizione rispetto alla controversa situazione politica italiana. Nel giugno dello stesso anno lancia l’album Antigravity con un altro noto rapper della nostra provincia, Ares Adami, presentato con un live-tour che porta Drimer su palchi sempre più prestigiosi nella Penisola. Il 17 maggio 2019, lancia il suo secondo album solista, il primo realizzato in studio: “La Prova Vivente”. Con questa uscita, Drimer sancisce il sodalizio con l’etichetta discografica Pluggers, per la quale pubblica a fine settembre 2020,  il singolo “Alarm” prodotto da Nic Sarno e Ric De Large.

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Fabio De Santi

Classe 1967, si nutre fin da ragazzo di musica e passione per la scrittura con particolare dedizione alle pagine di Vonnegut, Dagerman e Cèline. Scrive dalla metà degli anni '90 per il quotidiano l'Adige e da tempo quasi immemore collabora con Trentinomese. Frequenta le onde radio dagli anni '80 con diversi programmi fra cui quelli proposti su Radio Rai Regionale dove da spazio alla scena musicale trentina cosi come accade sulle pagine del nostro mensile.