Gianni Morandi: “Quanta voglia di stare in mezzo alla gente!”

Grande ritorno per Gianni Morandi sul palcoscenico del Teatro Ariston a Sanremo come cantante in gara dopo averlo anche vinto nel 1987 con “Si può dare di più” insieme a Ruggeri e Tozzi e averlo anche condotto. La canzone proposta è “Apri tutte le porte” scritta da Jovanotti e da Riccardo Onori. Il Gianni nazionale è una vera icona della canzone, amato da tutte le generazioni e con un percorso artistico incredibile. Da rimarcare sempre la sua proverbiale simpatia e umanità sia sul palco che nell’incontro della vita di tutti i giorni.

Gianni, ci puoi parlare di questa tua nuova esperienza?
Sono molto esperto di Sanremo, conosco la storia del Festival e il fatto di ritornarci questa volta è una gioia, un piacere, una scossa, anche perché dopo questi due anni di pandemia, è come una liberazione, una voglia di ritornare in mezzo alla gente, e di partecipare in qualsiasi modo senza pensare a risultati particolari. Mi piacerebbe che questa mia canzone scritta da Jovanotti piacesse. Dopo aver inciso l’estate scorsa “L’allegria” piano piano a me e Lorenzo è venuta l’idea di andare sul palcoscenico più importante che c’è nella musica.

Hai avuto l’infortunio serio alle mani. Come hai vissuto questa esperienza dolorosa?
I primi giorni sono stati abbastanza duri e sconvolgenti, sono stato ricoverato all’ospedale. Poi ho cominciato a capire che mi era andata molto bene perché poteva andare anche peggio e sono ancora vivo. Dal cielo qualcuno mi ha guardato e mi ha detto forse non è ancora il momento.

Qui a Sanremo sei in gara con Massimo Ranieri e Iva Zanicchi e lo scorso anno era presente anche Orietta Berti, come nelle epiche sfide di Canzonissima. Cosa vi ha caratterizzato in quel periodo?
Noi ci siamo affermati negli anni 60 e 70 in un periodo unico nella storia della musica. Il fatto di essere ancora qui è perché abbiamo lavorato, abbiamo saputo superare momenti difficili,  metterci in discussione rischiato. Non è l’età che ci fa andare via la voglia di musica, quella rimane, c’è tanta voglia di stare in mezzo alla gente.

Come percepisci l’amore e l’affetto della marea di persone che ti seguono da anni?
Cerco di essere sempre la persona che è nata in un piccolo paese di montagna. Ho avuto la fortuna di avere un carattere, di aver fatto gli incontri che persone che mi hanno aiutato e che non dimentico mai. Mi ritengo un privilegiato fortunato. L’affetto delle persone mi piace e mi consola per il lavoro che faccio, un lavoro per me e per gli altri. Mi rendo conto di quanto affetto la gente mi riserva, ormai mi conoscono da così tanto tempo che un po’ siamo diventati parenti ed amici. 

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Giuseppe Facchini

Giornalista, fotografo dello spettacolo, della cultura e dello sport, conduttore radiofonico. Esperto musicale, ha ideato e condotto programmi radiofonici specialistici e di approfondimento sulla storia della canzone italiana e delle manifestazioni musicali grazie anche a una profonda conoscenza del settore che ha sempre seguito con passione. Ha realizzato biografie radiofoniche sui grandi cantautori italiani e sulle maggiori interpreti femminili. Collezionista di vinili e di tutto quanto è musica. Inviato al Festival di Sanremo dal 1998 e in competizioni musicali e in eventi del mondo dello spettacolo.