Il meglio del Trentino dei bambini

Quasi 400 voci su luoghi in tutto il Trentino, divisi in 19 zone. Una grande mappa che aiuta la consultazione, per trovare i posti da visitare e orientarsi con facilità. Alla fine di ogni sezione alcune pagine dove bambini e bambine possono aggiungere le loro foto, scrivere un diario o delle note, ricordare con chi hanno trascorso le loro giornate preferite. L’esperienza di quasi dieci anni di conoscenza del territorio, dei progetti e delle realtà dedicati ai più piccoli e alle famiglie. Una grande passione per le esperienze all’aria aperta, per il racconto in prima persona, per le montagne e i laghi del Trentino

Ecco gli ingredienti della nuova guida del Trentino dei Bambini, il progetto nato online nel 2013, fondato dalla giornalista Silvia Conotter per accompagnare le famiglie alla scoperta del nostro territorio. Il meglio del Trentino dei bambini – questo il titolo del libro – è infatti uscito a maggio in una nuova versione, completamente riscritta e aggiornata a quattro anni di distanza dalla sua ultima edizione. 

Cosa c’è di diverso rispetto alla versione del 2018? «Innanzitutto – spiega l’autrice Silvia Conotter – è interamente dedicata al Trentino, con molti più posti da vedere e soprattutto aggiornata con tutti i cambiamenti degli ultimi anni, dai cambi gestione, alla nascita di nuove attività. Inoltre abbiamo una nuova grafica, bellissima, curata da Alessia Catarozzi». La guida è un vademecum per andare alla scoperta del Trentino e rappresenta un’evoluzione naturale del Trentino dei Bambini, che ormai ha raggiunto numeri significativi: 100 mila fan su Facebook, 20 mila follower su Instagram, un milione e mezzo di utenti unici l’anno che accedono al sito, con oltre due milioni di sessioni di lettura, e 12 mila persone iscritte alla newsletter. 

Il successo del Trentino dei Bambini secondo la fondatrice è dovuto principalmente a due fattori: «Credo sia premiante conoscere il territorio profondamente e avere uno sguardo giornalistico. Tra molti che si sono improvvisati grazie ai social media, credo che la competenza premi ancora perché infonde fiducia. Per me si è trattato di applicare un mestiere e le mie conoscenze a nuovi strumenti. L’altro fattore – prosegue – credo sia l’attenzione del Trentino dei Bambini ai luoghi meno convenzionali, alle esperienze autentiche, alla scelta accurata che facciamo rispetto ai contenuti delle proposte che decidiamo di veicolare: mi vengono in mente per esempio le esperienze in malga, che piacciono molto alle famiglie perché avvicinano alla vita reale di quei luoghi. 

Info: iltrentinodeibambini.it

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Susanna Caldonazzi

Laureata in comunicazione e iscritta all'Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige dal 2008, inizia la sua esperienza professionale nella redazione di Radio Dolomiti. Collabora con quotidiani, agenzie di stampa, giornali on line, scrive per la televisione e si dedica all'attività di ufficio stampa e comunicazione in ambito culturale. Attualmente è responsabile comunicazione e ufficio stampa di Oriente Occidente, collabora come ufficio stampa con alcune compagnie, oltre a continuare l'attività di giornalista free lance scrivendo per lo più di di cultura e spettacolo. Di cultura si mangia, ma il vero amore è la pasticceria.