La lezione di maturità dei ventenni

I ventenni danno lezioni di maturità ai loro genitori. È possibile o il mondo sta andando alla rovescia? La domanda sorge spontanea guardando i dati forniti dall’Azienda sanitaria trentina in merito al tasso di vaccinazione nelle diverse fasce d’età. I numeri parlano chiaro: in data 15 ottobre risultavano vaccinati contro il covid-19 il 90% dei sessantenni, l’84% dei cinquantenni, l’83% dei quarantenni, l’85% dei trentenni. Ma a lasciare sbalorditi è il dato relativo ai più giovani: in Trentino, il 93% dei ventenni si è vaccinato. Un risultato insperato anche per i più ferventi sostenitori della campagna vaccinale. Per mesi si è temuto che i giovani fossero la categoria più restia all’immunizzazione, perché è cognizione comune che il covid non li metta generalmente in particolare pericolo. Inoltre, la cosiddetta “generazione Z” (quella dei nati a partire dalla metà degli anni ’90) è stata a lungo accusata d’essere indifferente alle sofferenze causate dalla pandemia: concentrati solo sulla “movida”, indottrinati dalla disinformazione proveniente dai social-network dai quali sarebbero patologicamente dipendenti, “bamboccioni” insofferenti e viziati.

Ebbene, la verità dimostrata dai numeri testimonia l’esatto contrario e le generazioni più vecchie dovrebbero chiedere collettivamente scusa ai ragazzi: i ventenni mostrano molta più sensibilità verso l’emergenza sanitaria rispetto a quanta ne mostrino i loro genitori. Meglio informati, più a loro agio nel mondo convulso dell’informazione digitale, i ventenni – ovvero quelli che vengono indicati come i “nativi digitali” – non cascano facilmente nelle fake-news rilanciate online da mamma e papà. Sono troppo “scafati”, smaliziati e furbi per farsi irretire dalle baggianate che girano sulle bacheche di Facebook e nelle chat di Telegram. Loro con le nuove tecnologie ci sono nati e cresciuti e non è facile vendere loro sciocchezze da “boomer”. Di recente un ventenne mi ha detto: «Facebook ormai serve solo a fare litigare i cinquantenni, noi ventenni sappiamo bene come funziona la manipolazione online, la riconosciamo a occhio». Se è davvero così, è una notizia meravigliosa che ridà fiducia nella capacità delle giovani generazioni di generare un futuro in cui le fake-news sono trattate come meritano: sbertucciate, con una scrollata di spalle e con il sorriso sagace di un ventenne che ha capito molto meglio di noi cosiddetti “adulti” come funzionano le cose.

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Fabio Peterlongo

Nato nel 1987, dal 2012 è giornalista pubblicista. Nel 2013 si laurea in Filosofia all'Università di Trento con una tesi sull'ecologismo sociale americano. Oltre alla scrittura giornalistica, la sua grande passione è la scrittura narrativa. È conduttore radiofonico e dal 2014 fa parte della squadra di Radio Dolomiti. Cronista per il quotidiano Trentino dal 2016, collabora con Trentinomese dal 2017 Nutre particolare interesse verso il giornalismo politico e i temi della sostenibilità ambientale. Appassionato lettore di saggi storici sul Risorgimento e delle opere di Italo Calvino.

Media Alpi pubblicità s.r.l. Via delle Missioni Africane, 17 - 38121 Trento - Tel. 0461.934494

TrentinoMese: Iscrizione al ROC n° 11308. Registrazione Tribunale di Trento n. 536, 21 dicembre 1991

Sito web realizzato da Mobydick Scritture  - info@mobydick.tn.it © 2020-2021 Mobydick Scritture