Meio famadi che s’ciopadi

“Professor, lu cossa ne dìselo de tuti sti s’ciopadi?
“Di chi, scusa?“
“De tuti ‘sti s’ciopadi, che aumenta ogni dì de pu. No parlo sol dei sbusini, dei drogadi, ma dela zent che parla e se comporta come se la se fussa bevuda el zervèl!“
“Cosa vuoi che ti dica: mi viene in mente De Gaulle che stava facendo un giro elettorale per farsi eleggere presidente della Francia e gli si avvicinò uno dicendogli: Generale, io avrei una proposta importante da fare: eliminiamo gli idioti! E De Gaulle: È un problema troppo vasto da realizzare!

“Alora doven rassegnarne?”
“Ho paura di sì”.
“Sì mi no ghe la fago pu a soportar ‘sti esagitadi, ‘sti embezili che parla ala television e sbara en mucio de monade. Per no parlar dei social! Mi no i vardo ma – per doprar na parola che doprava na me vecia zia, na parola che credo l’avessa enventà ela – da quel che se sente dir i social’è tut en putanismo: gavessa en s’ciop ghe sbarerìa a quela zent lì for de zervèl, a quei sciopadi!”
“Invece fa’ qualcosa di meno delittuoso, qualcosa di molto più semplice. Cambia canale, anzi spegni il televisore, leggi un libro, ascolta musica, o vai a farti un giro, vai a spasso…”.
“Sì, vago a spass col green pass…”.

“Tu l’hai fatto?” 

“Ma sì, per no avérghe rogne. Vòi nar al cine e el ghe vol: vòi nar a ’n spetàcol el ghe vòl; vòi nar al ristorante e el ghe vòl; vòi nar al bar e el ghe vol. En dì che volevo bèverme ’n cafè, me son nascort de aver lassà el pass a ca’. Alora me son fermà sula porta e ho zigà: Cafè!, ‘sì fort ch i s’è stremidi tuti!” 

“Ormai siamo tutti spiati dal Grande Fratello, ogni giorno di più si stringe la camicia di forza, abbiamo tutti il fucile puntato addosso…”. 

”Op, op che i ne sbara col s’ciop! A proposito, professor: da endó vègnela la parola ‘s’ciop?“ 

Schioppo viene da scoppio: per metàtesi…”.

“Per cossa?”

“Per ‘metatesi, che è un trasposizione di lettere all’interno di una parola. Per esempio: storpio diventa stroppio”.

“Stropio se ‘l dis anca en dialet. Me papà el me diseva – a veder come scrivevo – Te sei propi en stropio: ma com’èl che te scrivi? E mi ghe rispondevo: Ben! Ma come, ‘ben’? Se te me pari na galina che zaspa en del giarin, Bambin! A mi me piaseva lézer, me la cavavo ben col talian. Alor tiravo for en me tema endó soto el meastro l’aveva scrit: Bravo, scritto bene!

“E lui cosa diceva?” 

“El diseva che l’è ’n altro discorso… Ma se vedeva che l’era content… Come quando el tornava dal mont col cavriòl mazzà col s’ciop…”.

“Era un cacciatore, tuo padre?” 

“Sì, fin ai zinquant’ani, quando no l’à pu rinovà el permesso. El diseva che l’era ‘n sport che oramai el costava massa. Ma en poch, credo, se l’ha piantà lì la cazza, l’è anca merito mio”.

“In che modo?” 

“Perché el sfotevo: ghe disevo: Coss’elo, en sport la cazza? Sì? E alora daghe el s’ciop anca al cavriòl che el poda sbararte adoss anca lu!”

renzofrancescotti@libero.it

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Renzo Francescotti

Autore trentino dai molti interessi e registri letterari. Ha al suo attivo oltre cinquanta libri di narrativa, saggistica, poesia in dialetto e in italiano. È considerato dalla critica uno dei maggiori poeti dialettali italiani, presente nelle antologie della Garzanti: Poesia dialettale dal Rinascimento a oggi (1991) e Il pensiero dominante (2001), oltre che in antologie straniere. Sue opere sono tradotte in Messico, Stati Uniti e in Romania. Come narratore, ha pubblicato sei romanzi: Il Battaglione Gherlenda (Paravia, Torino 1966 e Stella, Rovereto 2003); La luna annega nel Volga (Temi, Trento 1987); Il biplano (Publiprint, Trento 1991); Ghibli (Curcu & Genovese, Trento 1996); Talambar (LoGisma, Firenze 2000); Lo spazzacamino e il Duce (LoGisma, Firenze 2006). Per Curcu Genovese ha pubblicato Racconti dal Trentino (2011); La luna annega nel Volga (2014), I racconti del Monte Bondone (2016), Un Pierino trentino (2017). Hanno scritto prefazioni e recensioni sui suoi libri: Giorgio Bàrberi Squarotti, Tullio De Mauro, Cesare Vivaldi, Giacinto Spagnoletti, Raffaele De Grada, Paolo Ruffilli, Isabella Bossi Fedrigotti, Franco Loi, Paolo Pagliaro e molti altri.

Media Alpi pubblicità s.r.l. Via delle Missioni Africane, 17 - 38121 Trento - Tel. 0461.934494

TrentinoMese: Iscrizione al ROC n° 11308. Registrazione Tribunale di Trento n. 536, 21 dicembre 1991

Sito web realizzato da Mobydick Scritture  - info@mobydick.tn.it © 2020-2021 Mobydick Scritture