“M’illumino di meno”: quest’anno è dedicata al “salto di specie”

Un’iniziativa mirata non solo a ridurre i consumi, ma anche a promuovere quell’evoluzione ecologica necessaria ad uscire nella maniera migliore dalla pandemia. Torna anche quest’anno M’illumino di meno, la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili lanciata per la prima volta dal programma radiofonico Caterpillar e Radio2, nel 2005.

Un’edizione inevitabilmente speciale, questa del 2021, che andrà in scena venerdì 26 marzo, grazie a Rai Radio2, con la direzione di Rai per il Sociale, e sarà dedicata al “Salto di Specie” nel modo di abitare il pianeta, con una particolare attenzione al filone sanitario, raccontando anche le adesioni di ospedali, Asl, medici e infermieri. Oltre ai patrocini istituzionali, che includono la Medaglia della presidenza della Repubblica, sono arrivate anche le adesioni di strutture sanitarie che da oltre un anno sono in prima linea per fronteggiare il Covid: il Policlinico Gemelli e l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.
“Il vero virus di cui abbiamo bisogno è quello della sobrietà – ha detto in conferenza stampa il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani -. Senza demonizzare tecnologie e ideologizzare soluzioni, bisogna trovare un compromesso. Occorre un grande investimento in conoscenza, senza il quale i bambini pagheranno un conto salato per colpa nostra”.

Anche la città di Trento naturalmente aderisce all’iniziativa, impegnata nella transizione verso la sostenibilità. Energia, mobilità, rifiuti, verde sono i settori strategici di una mutazione che, tuttavia, è ben lontana dall’essere conclusa. Un impulso importante al “salto di specie” arriverà dal Piano urbano della mobilità sostenibile in corso di definizione: sarà completato entro il 2022, ma già nel corso di quest’anno dovremmo vedere il Biciplan, che del Pums è parte integrante. In più il Comune di Trento ha aderito al nuovo Patto dei sindaci per il clima e l’energia (Covenant of Mayors for Climate & Energy), un’iniziativa lanciata dalla Commissione europea nel 2015, che coinvolge le autorità locali con l’obiettivo di ridurre le proprie emissioni di anidride carbonica di almeno il 40 per cento entro il 2030, mediante una migliore efficienza energetica, un maggiore impiego di fonti di energia rinnovabili e l’integrazione delle politiche di adattamento agli impatti dei cambiamenti climatici.


“Complimenti alla Rai per l’accelerazione in corso su questi temi che sta creando un effetto positivo perché la sfida si gioca anche sui terreni dell’intrattenimento e dell’informazione – ha aggiunto il ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini -. Occorre un messaggio molto forte a sostegno dell’impegno enunciato da Draghi di inserire lo sviluppo sostenibile nella Costituzione, che sarebbe un cambiamento importantissimo”.
La Rai partecipa a questa edizione con lo spegnimento delle luci in tutte le sedi e i Centri di produzione e, rispondendo all’appello di “Salto di Specie”, installerà le rastrelliere per le biciclette dei dipendenti per promuovere la mobilità sostenibile in azienda. Una programmazione dedicata verrà messa a punto con servizi nei programmi televisivi e radiofonici, e nelle edizioni dei tg nazionali e regionali e in quelle dei gr.

Il presidente della Rai, Marcello Foa, ha sottolineato l’importanza di “piccoli gesti che possono creare una catena di virtuosità che può creare anche grandi risparmi”. L’ad Fabrizio Salini ha parlato di un “evento di cui andare fieri e che ben rappresenta la visione del vertice Rai”, ricordando che “sostenibilità e ambiente sono entrate a far parte della mission dell’azienda in prima linea nello sviluppo sostenibile del sistema paese”. “E’ un progetto che unisce tradizione a innovazione, una colonna del servizio pubblico multimediale in grado di far riflettere la comunità nazionale su temi non più rinviabili”, ha sottolineato il direttore Rai per il Sociale, Giovanni Parapini.


La puntata speciale di Caterpillar, on air su Rai Radio2 il 26 marzo dalle 18, verrà trasmessa per la prima volta anche in Visual Radio sul canale Rai Radio2 di RaiPlay. Sarà un lungo racconto, con i conduttori Massimo Cirri e Sara Zambotti, di adesioni alla 17/a edizione: comuni, aziende, persone che stanno facendo un Salto di specie verso la sostenibilità ambientale.
Tetti fotovoltaici, cappotti termici, mobilità elettrica, riduzione degli sprechi alimentari, innovazione tecnologica nell’economia circolare. “Al centro ci sono i nostri ascoltatori – ha detto Paola Marchesini, direttrice di Radio2 -, sono i nostri compagni viaggio e i protagonisti in questo momento: la radio ascolta le voci di chi partecipa con noi”.
Il 26 marzo alle 19 si spegneranno simbolicamente le luci delle facciate del Palazzo del Quirinale, Palazzo Chigi, Palazzo Madama, Palazzo Montecitorio e Palazzo della Consulta. Si spegneranno anche le luci dell’Arena di Verona, delle piazze e dei monumenti dei più importanti Comuni italiani (Trieste, Ravenna, Pesaro, Modena, Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Ragusa, Firenze, Padova, Rovigo, Verona, Palermo, Aosta). Oltre duecentocinquanta Comuni Bandiera Arancione in tutta Italia aderiranno spegnendo coralmente i propri monumenti simbolo.

Condividi l'articolo su:

Media Alpi pubblicità s.r.l. Via delle Missioni Africane, 17 - 38121 Trento - Tel. 0461.934494

TrentinoMese: Iscrizione al ROC n° 11308. Registrazione Tribunale di Trento n. 536, 21 dicembre 1991

Sito web realizzato da Mobydick Scritture  - info@mobydick.tn.it © 2020-2021 Mobydick Scritture