Crea sito

Smart working in montagna? Buona idea, forse per pochi

Mentre la Francia annuncia che i dipendenti pubblici dovranno consumare la pausa-pranzo seduti alla scrivania del proprio ufficio, in Trentino si ragiona sullo smart-working immerso nella montagna. È comparsa infatti a fine gennaio sul sito di visittrentino.info (gestito da Trentino Marketing, l’azienda controllata dall’amministrazione provinciale deputata alla promozione territoriale) una pagina titolata in maniera suggestiva: «Dalla scrivania vedo le montagne».

L’iniziativa si rivolge ai lavoratori e ai professionisti che desiderano provare un buen retiro lavorativo nelle località più ridenti del Trentino. Il sito mette a disposizione una selezione di case-vacanza dotate di tutto ciò che serve al volenteroso lavoratore esiliatosi in cima ai monti: postazione smart-working, connessione wi-fi, vista panoramica per i momenti di relax. Rimane tuttavia il dubbio di chi potrebbe permettersi un simile sfizio: presumibilmente l’affitto della dimora verrà infatti pagato con i proventi del lavoro per svolgere il quale l’affittuario si è trasformato in eremita. Ma oggigiorno molti trovano difficoltà a sostenere la spesa del loro “primo” affitto, quello del poco panoramico ufficio in città, incastonato tra casermoni di cemento.

Insomma, sembrerebbe un’offerta mirata soprattutto ai manager che non sopportano più che i loro figli interrompano rumorosamente le call di lavoro. Scherzi a parte, l’iniziativa appare motivata dalla lodevole intenzione di estrapolare qualcosa di “positivo” (parola ormai da usare con grande precauzione) dalla situazione pandemica, fatta di grossi sacrifici sociali, lavorativi, economici, psicologici. L’impressione è tuttavia che il tempo delle soluzioni brillanti ai problemi imposti dalla pandemia sia finito. È superato ormai il frenetico “ingegnarsi” dei primi mesi, quando qualunque attività cercava di reinventarsi per fronteggiare la pandemia e le inevitabili restrizioni. In queste settimane viviamo e lavoriamo senza creatività, francamente stanchi, intimamente esauriti. Guardiamo solamente il calendario, in attesa che si vedano gli effetti dei vaccini, sperando di non ammalarci e di non far ammalare in questo che percepiamo, a torto o a ragione, come l’ultimo miglio di un percorso faticoso. Speriamo che il peggio sia passato, ma non possiamo esserne sicuri. Caspita, quanto vorrei staccare da tutto e passare qualche giorno in montagna… perfino lavorando!

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Fabio Peterlongo

Nato nel 1987, dal 2012 è giornalista pubblicista. Nel 2013 si laurea in Filosofia all'Università di Trento con una tesi sull'ecologismo sociale americano. Oltre alla scrittura giornalistica, la sua grande passione è la scrittura narrativa. È conduttore radiofonico e dal 2014 fa parte della squadra di Radio Dolomiti. Cronista per il quotidiano Trentino dal 2016, collabora con Trentinomese dal 2017 Nutre particolare interesse verso il giornalismo politico e i temi della sostenibilità ambientale. Appassionato lettore di saggi storici sul Risorgimento e delle opere di Italo Calvino.

Media Alpi pubblicità s.r.l. Via delle Missioni Africane, 17 - 38121 Trento - Tel. 0461.934494

TrentinoMese: Iscrizione al ROC n° 11308. Registrazione Tribunale di Trento n. 536, 21 dicembre 1991

Sito web realizzato da Mobydick Scritture  - info@mobydick.tn.it © 2020-2021 Mobydick Scritture