Un video-Manifesto della Generazione Etica

Che dice no a petrolio, consumismo, greenwashing e guerre. Perché non contano solo i soldi, e l’unica via per scongiurare “la fine del mondo” è una rivoluzione finanziaria. Etica, naturalmente.

Banca Etica e La Rappresentante di Lista (LRDL) stringono una relazione inedita e lanciano il video-Manifesto che dà corpo, musica e parole alle istanze ormai insopprimibili di una nuova Generazione Etica, la cosiddetta Generazione Z (le ragazze e i ragazzi nati tra il 1997 e il 2012), consapevole che solo una finanza eticamente orientata può impedire lo schianto della Terra governata dal business as usual

Da oggi è possibile guardare il teaser del video completo che sarà pubblicato il 21 ottobre, prima tappa della campagna Generazione Etica e risultato di un progetto artistico ambizioso in cui il destino dell’umanità cambia se cambia l’uso del denaro. E Banca Etica è “l’unica possibile” partner – riprendendo il claim della campagna – con cui riscrivere in senso positivo “la fine del mondo”, che quindi non sarà più quella apocalittica prefigurata nella notissima hit Ciao Ciao, dove il destino di ogni persona è deciso da chi punta ancora sulle fonti di energia fossili, inquinanti e corresponsabili del surriscaldamento climatico; da chi propone un ambientalismo di facciata, praticando tutte le strade ingannevoli del greenwashing; da chi infine induce e sfrutta il consumismo sfrenato e finanzia le guerre, investendo i soldi dei risparmiatori inconsapevoli.  

La collaborazione e i destinatari
A partire da queste convinzioni, all’insegna della sperimentazione creativa e della volontà di costruire una campagna coinvolgente che promuova una connessione con la Gen Z, sostenendo così le energie migliori della società, è nato il video-Manifesto. Il concept creativo è di Valeria Raimondi e Luciano Marchetti, la produzione è stata realizzata da Borotalco tv, e LRDL – il duo artistico composto dalla cantante Veronica Lucchesi e dal polistrumentista Dario Mangiaracina – ha lavorato sotto la guida del noto regista e fotografo Attilio Cusani, oltre che in costante dialogo con le persone di Banca Etica. In ascolto delle loro competenze su economia e finanza, ma anche della visione ispirazionale che presiede al progetto ultraventennale di Banca Etica, unica possibile partner in un progetto culturale di questo tipo.

La fine del mondo delineata nell’ultima scena del video ha perciò il volto pulito delle ragazze e dei ragazzi della redazione under 25 di Scomodo, che fanno da cornice a Veronica e Dario. Ed è la fine sognata, difesa e pretesa da questa Generazione Etica, portatrice di una “sensibilità aumentata” per la conservazione e la valorizzazione dell’ambiente e per la giustizia climatica, perni di equità sociale e benessere collettivo. Questa Generazione “…non si riconosce più nel vecchio modo di fare le cose; ne ha abbastanza di un sistema marcio, basato sul profitto, sull’individualismo; ed è consapevole che l’unica via possibile per scongiurare la fine del mondo è una rivoluzione etica”. Per questo, insieme alla finanza etica, la Gen Z può imprimere un reale e immediato cambio di passo verso una garanzia di futuro per le persone e il pianeta, contro la brama di soldi ottenuti a qualsiasi costo.

«Banca Etica non ha avuto dubbi, ha scelto il talento creativo de La Rappresentate di Lista per realizzare un video-Manifesto che racconta l’urgenza di aprire gli occhi e cambiare la direzione di uno sviluppo insostenibile che sta compromettendo il futuro dell’umanità, in particolare delle persone più giovani. Il video-Manifesto si rivolge infatti alla Generazione Z, che sente più forte il pericolo degli effetti della crisi climatica, delle disuguaglianze e della precarietà, e chiede soluzioni radicali per costruire una società più equa, inclusiva e rispettosa del pianeta. Il video è solo l’inizio di un progetto di comunicazione più ampio, che ha l’obiettivo di far dialogare sui diversi media la 23enne Banca Etica con ragazze e ragazzi di questa Generazione Etica, di cui condivide gli obiettivi e ai quali offre il potere trasformativo della finanza etica per raggiungerli», spiega Roberto Marino, Responsabile Dipartimento Proposta di Finanza Etica.

E così La Rappresentante di Lista esprime il senso della collaborazione: «Siamo alla ricerca da sempre di parole da condividere, di una progettualità creativa da applicare alla realtà e alimentare con emozioni e strati di necessità. Da sempre cerchiamo e stiamo trovando una comunità con cui ampliare questo vocabolario, che abbia una prospettiva vicina alla nostra. Grazie all’incontro con persone e organizzazioni virtuose come Banca Etica può diventare possibile avvicinarsi a obiettivi che possono sembrare utopici: costruire una società più equa, inclusiva e appassionata»

Obiettivi e modalità della campagna
Il video, che ha innanzitutto lo scopo di far conoscere Banca Etica e il suo posizionamento su alcune tematiche alle persone under 30, è uno dei primi ingredienti di una campagna di comunicazione che rappresenta e concretizza una visione di futuro in cui la missione della finanza etica sarà affidata ai giovani e ai giovanissimi di oggi. Con le prossime attività della campagna Generazione Etica si lavorerà infatti per costruire una community intorno alla finanza etica e alle possibilità generative di questo strumento per rispondere ai bisogni contemporanei e rifondare alcune basi dello sviluppo per la società di domani. I primi contenuti della campagna sono esclusivamente digitali (canali Instagram, Tik tok e YouTube), in attesa di proporre anche momenti di incontro live nel prossimo anno.

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Tina Ziglio

Concetta (Tina) Ziglio è nata sulle montagne in una notte di luna piena. Anziché ululare, scrive per diverse testate e recita in una sgangherata compagnia teatrale. Il suo ultimo libro è il discusso “Septizonium” (Aleppo Publishing, 2019).