Intermittenze, la quarta edizione a Riva del Garda

Il festival Intermittenze – letteratura; musica fa capolino, a distanza di un anno, con la sua quarta edizione dall’8 all’11 settembre a Riva del Garda e porterà ancora una volta destini e storie, dialoghi e narrazioni, omaggi a grandi artisti e volti – o meglio penne – noti al grande pubblico creando così un vero e proprio viaggio metaletterario nei luoghi più cari alla cittadina trentina sulle sponde del lago di Garda. Nonostante due anni difficili a causa dei contenimenti forzati dovuti all’emergenza sanitaria, il Festival organizzato e promosso dalla Biblioteca Civica di Riva del Garda in collaborazione con l’Associazione culturale Rapsodia ha portato in scena spettacoli e “intermittenze” di grande spessore giungendo quest’anno alla sua IV edizione in un momento come questo in cui cresce d’intorno il bisogno di letteratura.
La letteratura mai come adesso ha il compito di “reggere” il mondo, dando voce alle sue paure e, al contempo, esorcizzandole, nutre di speranza i lettori di ogni parte del mondo. Proprio con questa ardita missione, il Festival Intermittenze vuole tracciare un disegno, tentare un senso, offrirci nuovi punti di osservazione. Ed ecco allora che la quarta edizione diventa un susseguirsi di letteratura, poesia, incontri, reading, narrazioni musicali con produzioni originali in cui la letteratura è però sempre il centro e dove la musica si alterna ad essa in una lunga intermittenza durante i quattro giorni di kermesse.
Sarà un percorso tutto da seguire, passo passo, dalla narrazione con cui Simona Vinci ci porterà nel mondo della lirica con le arie d’opera eseguite dai musicisti del Conservatorio Bonporti allo spettacolo di Erri De Luca della domenica sera.

Erri de Luca

Si parte giovedì 8 settembre alle ore 18 alla Spiaggia degli Olivi con i Rock Spectrum – cover band condotta da Stefano Cainelli, nata al ODFLab Laboratorio di Osservazione Diagnosi e Formazione di Rovereto – insieme al direttore artistico di Intermittenze Emiliano Visconti con un’intermittenza fra rock, letteratura e integrazione. Alle ore 21 in Rocca Simona Vinci accompagnata dai musicisti del Conservatorio Bonporti ci condurranno in un incontro assai vivace e particolare tra canto d’opera e l’intensa voce di Simona Vinci pronta a raccontarci e a portarci per mano dentro e intorno ad arie come Là ci darem la mano dal Don Giovanni.
Venerdì 9 settembre alle ore 18 alla spiaggia degli Olivi è il turno di Fabio Stassi che ci parlerà del suo Mastro Geppetto e lo farà accompagnato dalla musica live dei Miscellanea Beat ovvero Massimo Marches alle chitarre e alla voce e Gionata Costa al violoncello. Alle ore 21 in Rocca sarà il turno di un incontro che sarà particolarmente apprezzato dal grande pubblico: un recital tratto dalla Graphic Novel di Mara Cerri e Chiara Lagani sull’Amica Geniale di Elena Ferrante. Una produzione Fanny & Alexander.
Sabato 10 settembre alle ore 9.30 alla spiaggia degli Olivi si parlerà dei quattro ragazzi di Liverpool ovvero i Beatles e lo si farà in compagnia di Massimo Donà, filosofo e jazzista, con la musica live dei Miscellanea Beat.
Alle ore 15 a Palazzo Martini Claudia Zonghetti e Pietro Tosco, due massimi esperti di Grossman, ci parleranno di quel Stalingrado di Vasilij Grossman, uno dei grandi capolavori della letteratura russa. Alle ore 16.30 alla Rocca vivremo l’incontro Le storie nella storia in compagnia di due autrici di spessore come Ritanna Armeni e Ben Pastor e scopriremo così cosa hanno in comune due protagonisti d’eccezione dei loro romanzi. Programma completo su www.intermittenze.com

Ben Pastor
Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Tina Ziglio

Concetta (Tina) Ziglio è nata sulle montagne in una notte di luna piena. Anziché ululare, scrive per diverse testate e recita in una sgangherata compagnia teatrale. Il suo ultimo libro è il discusso “Septizonium” (Aleppo Publishing, 2019).