Regalare un micio deve seguire una chiara richiesta

Ed eccoci nel mese delle feste e dei regali, accantoniamo quindi per il momento il nostro viaggio nei problemi comportamentali per approfondire una tematica abbastanza delicata, in alcuni casi “scottante”, ovvero: il gatto in regalo!

Premesso che stiamo parlando di un essere vivente, è una pratica che parte da un’idea di fondo molto carina ma che va sempre analizzata caso per caso. Non deve mai essere una sorpresa all’insaputa dei famigliari ma dev’essere semmai un desiderio espresso, analizzato e accettato da tutti i componenti che vivono sotto lo stesso tetto.

Eviterei di prendere un gattino in regalo ad un bimbo solo perché l’ha chiesto una volta, mi preoccuperei invece di prepararlo precedentemente a cosa significa avere un amico felino in casa e come ci si deve comportare, piuttosto prima regalo un libro adatto, un bel peluche e solo in seguito arriverà il gattino!

Allo stesso modo non consiglierei di prendere un cucciolo (vivace e con una, si spera, lunga vita davanti) ad una persona anziana (e quindi affaticata e con problematiche che potrebbero portarla a non riuscire a seguire il cucciolo per i successivi, ci auguriamo, vent’anni).

Purtroppo in questo periodo molti vogliono il gattino pronto minuscolo e più giovane possibile, vi esorto anche qui ad essere responsabili e attenti nelle scelte, prendere un gatto troppo presto significa infatti dover fare poi i conti con problemi comportamentali anche di un certo livello. Lasciate alla natura i suoi tempi e non prendete mai un gattino prima che questi abbia almeno due mesi e mezzo, molto meglio se tre e oltre; ricordate che più tempo passa con mamma gatta, soprattutto se parliamo di gatti di razza che vivono in un ambiente casalingo curato e protetto, meglio sarà per la salute psicofisica del piccolo e di conseguenza voi sarete molto più felici del nuovo compagno scelto! E, se avete comunque optato per regalare un micino ricordatevi di portarlo con tutto il suo corredo essenziale: lettiere, tiragraffi e cibo adatti alla sua età, e… un controllo preventivo dal veterinario sono i consigli migliori che posso lasciarvi sotto l’albero!

Condividi l'articolo su:

Pubblicato da Cinzia Cavagna

Amo i libri e vivo in un piccolo zoo casalingo (14 cani, 5 gatti, 1 drago barbuto, 2 geche, 1 camaleonte, 2 tarantole). Unendo l’interesse, in particolare quella per i gatti, al mio amore per lo studio negli anni ho affinato gli approfondimenti inerenti al comportamento felino, un panorama in continua evoluzione che offre studi aperti e richiede costante aggiornamento, sperando di riuscire a trasmettere un po’ della mia passione anche tra le righe degli articoli, tramite “Gatta ci cova” , vorrei aiutarvi a scoprire di più su questo affascinante animale che vive in gran parte delle nostre case!